Violenza Ostetrica

La violenza ostetrica si riferisce ad un trattamento disumano, nell’abuso di medicalizzazione e nella patologizzazione dei processi naturali, avente come conseguenza la perdita di autonomia e delle capacità di decidere liberamente del proprio corpo e della propria sessualità che impatta negativamente sulla qualità della vita della donna. 

Per violenza ostetrica ci riferiamo a tutti quei comportamenti svilenti e umilianti che vanno dall’uso di parole offensive a pratiche mediche invasive, eseguite senza consenso.

Un esempio purtroppo molto diffuso è l’episiotomia.

Ma è violenza ostetrica anche non supportare l’avvio all’allattamento, umiliare una mamma che non vuole allattare e sceglie con consapevolezza l’alimentazione artificiale, le porte lasciate aperte sui corridoi mentre le donne stanno partorendo, le infermiere che dopo un parto cesareo umiliano la donna che non ha partorito naturalmente (come fosse un minus), i medici che sottostimano il dolore delle donne durante il travaglio, le ostetriche che non supportano i neogenitori nei primi momenti della vita del piccolo, gli inviti a non urlare troppo durante il travaglio. 

Nel 2011 la pronuncia della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo sancisce il diritto della donna a scegliere dove partorire e ha rilevato come la legislazione ungherese non consentisse di fatto l’esercizio della libera scelta delle circostanze e del luogo del parto. 

Nel 2014 l’OMS sancisce che l’esperienza di trattamenti irrispettosi e abusanti durante il parto in ospedale violi il diritto “al più elevato livello di salute raggiungibile, che include il diritto ad una assistenza sanitaria rispettosa e dignitosa”.

Di seguito, i numeri: 
21% delle donne dichiara di aver subito violenza durante il parto 
41% delle donne lamenta pratiche lesive della dignità o integrità psicofisica 
61% dei casi l’episiotomia viene praticata senza il consenso della donna

La consapevolezza dei propri diritti permette alle donne di essere sempre meno vittime di violenza ostetrica, ma sopratutto la formazione di ostetriche, personale infermieristico e medico.

Hai avuto un’esperienza simile e voi condividerla?

Scrivimi, commenta e usa #bastatacere